Le mani su Gotham City

È un dato di fatto, il Cinecomic è diventato un genere egemone della cinematografia mondiale e di mese in mese le sale sono invase da pellicole incentrate su supereroi.

L’inizio dell’ascesa di questo macro-genere possiamo identificarla con il primo film che ha dato il là all’universo cinematografico dei Marvel Studios, ovvero Ironman di John Fravau (2008). Da allora sono passati dieci anni e la Marvel è passata nelle grinfie di mamma Disney, consolidatasi quasi come unica superpotenza del nostro immaginario (possiede tra le altre la Lucasfilm, per intenderci). Ad arrancare dietro i personaggi partoriti (quasi tutti) dalla mente di Stan Lee troviamo quelli che ci avevano provato per primi, la Fox con i suoi mutanti (X-Men di Bryan Singer nel 2000 e seguiti vari), e la Warner/Dc che già con Batman di Tim Burton (1989) e con il Superman di Richard Donner (1978) aveva stabilito i primi grandi adattamenti apprezzati da critica e pubblico. Entrambe queste case di produzione stanno costruendo i propri universi narrativi coesi, cercando artifici diversi per distanziarsi dai Marvel Studios e i suoi Avengers, con alterne fortune. La cosa interessante è che stilisticamente, al contrario di quanto si possa pensare, questo genere non solo si è evoluto, ma i cineasti coinvolti hanno iniziato a giocare con l’idea stessa del genere

Il primo team di supereroi a conquistare le sale cinematografiche in tutto il suo splendore.

Il primo team di supereroi a conquistare le sale cinematografiche in tutto il suo splendore.

Guardando in casa Marvel, si sa, sostanzialmente parliamo ormai di commedie/fantasy, con il primo aspetto preponderante al punto da risultare in alcuni casi fastidioso. Rispetto alla cosiddetta Fase Uno del Marvel Universe, in cui gli stessi studios giocavano di più con il concetto di genere (si pensi al tono “shakespeariano” in Thor di Kenneth Brannagh o al “war-movie” del primo Captain America), lo stile di queste pellicole si è sostanzialmente standardizzato e appare quasi schiavo di sé stesso. Esempio su tutti è il secondo film dedicato al supergruppo di casa, gli Avengers, diretto sempre da Joss Wedhon come il fortunatissimo primo capitolo. Il regista, che all’epoca era ormai in rotta con lo studio al punto da lasciarlo dopo l’uscita di questo lavoro, imbastisce un film i cui sono evidenti alcuni dei suoi tropi classici, ma risente troppo del lavoro di editing della casa di produzione. Non ha modo di esprimersi appieno e l’opera ne perde di freschezza e autenticità (sfiorando in alcuni punti il ridicolo a dire il vero). Da quel momento in particolare l’intero carrozzone di film preannunciati e costruiti ad hoc dai Marvel Studios ha iniziato a omologarsi eccessivamente, compiacendo sì il pubblico, ma senza mai andare oltre per sfruttare al meglio il potenziale narrativo delle opere da cui si traduce. La formula è collaudata, quindi perché osare? Per quanto si sporchino di elementi fantasy o sci-fi, ma soprattutto quando cercano di puntare sulle emozioni di un personaggio o ricercando lo spessore proprio di determinate storie, questi film non spingono mai fino in fondo, ma restano in superficie. Sia chiaro, questa chiave è risultata ed è effettivamente vincente, ma tutto questo ha a mio avviso ben poco di cinematografico. Ha molto più a vedere con la serialità e all’elemento editoriale delle opere da cui sono tratti questi film. Non si traducono le storie originali, bensì è stata perfettamente replicata la strutturazione di quel tipo di arte. L’intrattenimento serializzato e che trova il proprio successo nella fidelizzazione. Sostanzialmente ciò che ora come ora funziona e detta legge.

La Warner dal canto suo è troppo in confusione a livello produttivo e soffre tremendamente il confronto con il binomio Marvel/Disney. Dopo i fasti dei già citati film su Superman e Batman, e rispettivi seguiti con alterne fortune, la casa detentrice dei diritti sui personaggi Dc Comics ha vissuto un solo momento di grande successo a seguito della trilogia de il Cavaliere Oscuro di Christopher Nolan. Questo trittico di grandissimi film ha riscritto il modo di intendere la trasposizione cinematografica di fumetti, legittimando questo tipo di operazione e portando il mondo del Cinema (sì, proprio con la C maiuscola) a fare attenzione a questa fetta di immaginario. In sostanza Nolan da bravo demiurgo ha immaginato di poter trattare con estrema serietà la materia, facendo partire la discussione su tali tematiche e nobilitando il genere in toto. Ma superato il fenomeno Nolan la Warner si è dovuta confrontare con il proprio futuro in termini narrativi, vista la dirompente avanzata della Marvel da un lato (il primo Avengers nel 2012 incassò MILLECINQUECENTO milioni di dollari, per dire), e il defilarsi dello stesso Nolan. La differenza sostanziale dell’Universo cinematografico Dc con gli altri, risiede proprio nel retaggio che si è creato con l’opera nolaniana. Ci troviamo in un mondo che pecca proprio nella sua forza principale, ovvero quella di prendersi eccessivamente sul serio. Il vantaggio di cui si fregia nominalmente la produzione è di aver creato un mondo director-driven, ovvero a completa discrezione dei cineasti che assumono. In particolare l’araldo e vera forza motrice di tutto l’universo Dc fin’ora è stato il buon Zack Snyder, il quale quantomeno c’ha provato a dare la SUA visione di questi personaggi e del mondo in cui si muovono. Certo, non è che sia andata benissimo e anzi si è sentita sempre più pesante la mano della produzione, ma se non altro le intenzioni erano buone. Il problema della Warner è proprio di coerenza. Si pensi al caso di Suicide Squad, il film che doveva rilanciare il carrozzone dopo i tremendi feedback ricevuti per Batman v. Superman, riguardanti soprattutto il tono eccessivamente serioso della pellicola. Il film di David Ayer sebbene dipingesse un supergruppo di villain, di cattivi sopra le righe, è stato eccessivamente edulcorato e rieditato con l’intenzione di alleggerire il tono, ma con un’idea produttiva fallimentare in origine. Di fatto si è compromessa la visione del regista stesso e per capire meglio la cosa basta guardare il primo e l’ultimo trailer rilasciati in attesa del film.

Batman v. Superman è stato ritenuto un insuccesso commerciale per la Warner nonostante più di OTTOCENTO milioni di dollari di incasso, mentre Suicide Squad considerata l’uscita estiva e il budget si è attestato comunque sopra i CINQUECENTO, soddisfacendo almeno commercialmente la produzione. Ad oggi di fatto l’unico film pienamente riuscito per visione del Regista, cast, incassi e impatto mediatico è stato Wonder Woman di Patty Jenkins del 2017. Talmente riuscito che la Warner ha deciso addirittura di puntare agli Oscar alla regia, al miglior film e persino per la migliore attrice protagonista, scommettendo sulla grandiosa (e devo dire inaspettata) interpretazione di Gal Gadot. Per capire la confusione degli studios basti pensare alle continue e discordanti notizie circa la direzione che sta intraprendendo l’universo narrativo e in particolare ancora più emblematica è la storia produttiva di ogni singolo film, soprattutto l’ultimo Justice League. In sostanza il mondo Warner cerca di proporre temi di spessore e che vanno a scavare nel profondo pantheon di personaggi e storie più vicine all’epica che ai supereroi con i superproblemi tanto cari alla Marvel, ma pecca proprio nei momenti in cui cerca di riportare lo scontro a livello della concorrenza. I registi provano a essere diversi, mentre la produzione attua folli tagli per avvicinarsi ai prodotti della concorrenza.

Eccolo qui, "l'eroe" del momento. Meno male che c'è Deadpool ad alzare l'asticella.

Eccolo qui, "l'eroe" del momento. Meno male che c'è Deadpool ad alzare l'asticella.

La Fox, defilata e apparentemente non costretta a confrontarsi con gli altri due giganti, detiene i diritti dei mutanti Marvel e dei Fantastici Quattro. Sui secondi stendiamo un velo pietoso, di fatto non sono mai riusciti ad avere una trasposizione di livello, nonostante l’originale (e tremendo) tentativo di Josh Trank nel 2015 e i precedenti due film, francamente imbarazzanti. Con i mutanti invece sono riusciti a creare un universo narrativo non particolarmente coeso e figlio di una certa confusione sul piano di continuity (la storia generale), ma particolarmente riuscito cinematograficamente. Con la seconda trilogia partita con X-Men L’Inizio del geniale Mattew Vaughan si è intrapresa una strada interessante e nuova, poi proseguita dal papà della precedente ovvero Bryan Singer. La trovata è stata quella di sviluppare un universo fantastico in un mondo realistico e storicamente pertinente, intersecando la storia americana alla narrazione del mondo mutante. Tradotto si è ricorsi a una sand-box poggiata sul filone dell’ucronia, particolarmente efficace, ma comunque si tratta di fanta-action.

La vera sperimentazione della Fox è arrivata negli ultimi anni, con dei tentativi di ripensare il genere sfruttando i generi cinematografici propriamente detti. È stato il caso di Deadpool, ad esempio, una commedia sui generis, politicamente scorretta e vietata ai minori, eppure allo stesso tempo un film sui supereroi, un cinecomic in tutto e per tutto. Ancora più interessante l’ultimo film della trilogia dedicata a Wolverine, Logan diretto da James Mangold nel 2017. Il film sempre inserendosi nel filone dei cinecomic è una pellicola che sfrutta appieno lo stile e un retaggio da western, riscrivendo l’idea di certi tipi di film. In sostanza la Fox sta ripensando il cinecomic come un SUPER-GENERE, capace di declinarsi in altrettante sfumature/generi. In quest’ottica sarà interessante vedere il prossimo New Mutants in uscita nel 2018, un film sempre cinecomic, ma di genere dichiaratamente horror.

Sulla Sony non mi pronuncio, dato che con la trilogia di Spiderman hanno sì contribuito all’ascesa dei cinecomic, ma poi si sono persi di strada con la seconda trilogia (incompiuta) al punto da doversi piegare in parte alla Marvel co-producendo prima Spiderman-Homecoming e tutte le altre co-proprietà con la casa editrice. L’unico spiraglio di originalità, oltre ai numerosi e discutibili film con protagonisti personaggi dell’universo dell’Uomo Ragno annunciati per i prossimi anni, sembra essere il Venom con protagonista Tom Hardy in uscita nell’ottobre 2018. Il film è stato pensato come un horro-fantascientifico. Staremo a vedere.

Insomma, il cinecomic ne ha fatta di strada da quando veniva guardato con diffidenza e oggi come oggi, oltre a essere una realtà commerciale superiore alle altre, è di fatto entrato nella discussione viva sui generi cinematografici e sulla direzione che stanno prendendo i prodotti audiovisivi. Un immaginario in continua evoluzione che ha ormai trasceso il cinema di genere.