amazon

Streaming Wars

Chiudete le porte di casa con varie mandate, sbarrate le finestre, mettete in salvo vecchi e bambini: la guerra delle piattaforme streaming sta arrivando!

Netflix non detiene più lo strapotere che l’ha portata ad essere LA piattaforma streaming per eccellenza e il suo primato inizia a vacillare. Ma come, direte voi, con tutti gli abbonati che ha in giro per il mondo? Beh, signore e signori cari, la concorrenza s’è fatta agguerrita e ha preso ai fianchi la compagnia di Los Gatos. In particolare l’entrata in campo e le rivelazioni sui piani di Disney ed Apple ha messo in seria discussione l’equilibrio di potere nel mondo dell’intrattenimento multimediale.

Se prima infatti l’unica diretta concorrente era Amazon Prime Videos, adesso la prospettiva è cambiata e nei prossimi anni vedremo una vera e propria guerra per il controllo dell’intrattenimento audiovisivo. Ve ne parlo in questo momento proprio perché è freschissima la notizia dei futuri piani editoriali dei Marvel Studios per il Marvel Cinematic Universe, e le scelte adottate sono state molto influenzate dall’imminente apertura della piattaforma streaming Disney+. Questo sottolinea quanto si voglia spingere questa novità, che può per altro vantare un catalogo di esclusive da leccarsi i baffi, senza contare il resto della proposta non originale da paura. Una direzione che segna a mio avviso un nuovo modo di vedere la programmazione audiovisiva, verso quella che si prospetta come da titolo una vera e propria guerra di ascolti e abbonamenti.

Anche solo questi tre signori valgono un anno di abbonamento  Netflix.

Anche solo questi tre signori valgono un anno di abbonamento Netflix.

Ci sono proposte davvero per tutti i gusti e le tasche, partendo da quello che una volta era il servizio egemone per eccellenza (incredibile come possa cambiare tutto nel giro di poco tempo). Sebbene infatti Netflix possa contare su un numero di abbonati decisamente superiore alla media degli altri servizi di streaming a livello mondiale, va detto che negli ultimi tempi un numero sempre più considerevole di persone ha disdetto il contratto (parliamo a livello mondiale). Se volete la mia personalissima opinione (e se siete qui credo più che altro che ve la siete andata a cercare) il livello qualitativo medio della proposta di Netflix si è considerevolmente abbassato e soprattutto nella proposta di film di produzione originale si è raggiunta una certa stagnazione. Non bastano infatti i casi di Roma di Cuaron o la promessa del Messia Zio Martin Scorsese con il suo The Irishman a tenere alto il vessillo dei film targati Netflix. Il resto dei lungometraggi originali proposti sono nettamente di basso livello. Sulle serie anche devo ammettere di essermi trovato in difficoltà per diversi mesi, salvo per le sempre ottime produzioni animate che non hanno rivali. Certo, c’è il contratto di esclusiva di Ryan Murphy come garanzia di avere almeno uno show ogni anno di eccellente fattura, ma non credo basti.

La qualità media proposta dagli show di Amazon è fuori scala rispetto alla diretta concorrente. Queste serie sono infatti magari meno pubblicizzate (anche se cominciano a interessare sempre di più i media), ma per scrittura e per talenti coinvolti mantengono sempre un valore complessivo superiore. Amazon Prime Videos per certi versi sembra puntare alla qualità piuttosto che alla quantità, il che mi sembra una più che ottima direzione visto anche il costo così contenuto e considerato che include anche l’abbonamento a Prime per le spedizioni. Sul fronte lungometraggi originali la compagnia di Jeff Bezos punta soprattutto allo sviluppo di lavori per la sala e ha piazzato qui e lì delle opere niente male. Ah, per altro all’estero hanno anche un catalogo di cortometraggi e produzioni indipendenti, il che per un giovane regista come me non può che essere un plus. Il recente coinvolgimento di Neil Gaiman e lo sviluppo di piccole perle come The Terror, sottolineano un trend decisamente positivo per questa piattaforma.

I pochi talenti coinvolti in Apple tv+

I pochi talenti coinvolti in Apple tv+

Come un fulmine a ciel sereno si è manifestata anche la Apple con Apple Tv+, un’estensione potenziata del suo già esistente servizio streaming. Giusto per capirci, la compagnia della mela vanterà dei contenuti originali firmati tra gli altri da gente come Steven Spielberg, M.Night Shyamalan, J.J. Abrams, con star come Jennifer Aniston, Reese Witherspoon, Jason Momoa e tanti altri. Una notizia che per forza e prospettive mette la Apple sullo stesso ring e categorie delle sue dirette concorrenti e che contribuisce ad alimentare la guerra di cui sopra. Devo dire che per i nomi citati non ha praticamente rivali.

Solo vedendo questa immagine mi vengono addebitati i soldi dell’account.

Solo vedendo questa immagine mi vengono addebitati i soldi dell’account.

E siamo arrivati al quarto concorrente. Il più difficile da battere. Disney+ vanterà contenuti originali griffati Marvel, Star Wars, National Geographic e tutti i cataloghi relativi a precedenti produzioni con gli stessi nomi. Già solo questo farebbe tremare le ginocchia a chiunque. Non basta. La Disney acquista la Fox. Di conseguenza vuol dire avere anche tuuuuuutta la produzione passata e futura di tutte le sottocase di produzioni annesse a quel marchio. Ma tanto per dirne una, Disney+ permetterà di vedere qualsiasi episodio di tutte le stagioni dei Simpson. Sì, i Simpson. Rendiamoci conto, stiamo parlando di una compagnia che da sola vanta il 44% delle proprietà intellettuali della cultura pop contemporanea. Aggiungeteci a tutto questo le stesse produzioni Disney e quelle della Pixar (con anche dei nuovi show di animazione). Catalogo alla mano, non ci sarebbe storia. Il prezzo indicativo (americano) è poi davvero basso.

A queste grandi contendenti bisogna aggiungere Hulu, la Warner che attraverso HBO Go vuole emulare le sopracitate piattaforme, la già esistente Dc Universe (ancora inedita in Italia e credo tale rimarrà), Rakuten Tv e tantissime altre. Ma, va detto, queste rappresentano più degli spazzini dei rimasugli che verranno lasciati dai pesci più grandi che dei veri e propri competitor (anche se HBO vuol dire comunque le produzioni originali più forti degli ultimi 20 anni). Ecco, forse tra queste solo HBO Go potrebbe avere voce nelle battaglie a venire. Pensate solo alla possibilità di rivedere (legalmente, brutti maiali) Game of Thrones, Big Little Lies, i Sopranos, Westworld, The Leftovers e la futura serializzazione di Watchmen (speriamo sia il capolavoro che spero).

Please, be good!

Please, be good!

Insomma, la guerra delle piattaforme streaming è ancora agli inizi, ma già si possono intravedere i diversi approcci delle varie fazioni. Una cosa è certa, per i nostri portafogli saranno dolori, mentre ci aspetta una vera e propria festa per i nostri occhi, per la nostra mente e per i nostri cuori.