movie review

Croce e delizia di Simone Godano

Eccoci tornati finalmente con i 5 buoni motivi per muovere il vostro pachidermico deretano e recarvi al cinema.

Questa settimana, ho visto Croce e delizia, di Simone Godano. Delle due però, ho provato soprattutto la seconda, per questa deliziosa commedia moderna e intelligente.

Che bel cast!

Che bel cast!

1.La dinamica Bentivoglio-Gassman

Che Alessandro Gassman sia ormai il volto di certo cinema (e non) italiano, lo si sapeva già, ma che Fabrizio Bentivoglio potesse assurgere a vero e proprio mattatore in una commedia così, mi ha sorpreso parecchio. Il loro gioco di posizioni, così diverse e così radicali per certi versi, i personaggi multisfaccettati che descrivono, sono la forza del film. Gassman è il cuore, più di ogni sua altra interpretazione, mentre Bentivoglio è esattamente ciò che il suo personaggio esprime, come riassunto dal titolo. Alcune delle sue battute mi hanno fatto cadere dalla poltrona!

2.La Trinca

Jasmine Trinca ha avuto l’arduo compito di interpretare un ruolo a là Margherita Buy ed è riuscita a non rendere il suo personaggio eccessivamente petulante, ma complessata al punto giusto. Le si crede dal primo momento e si vive un sali scendi emotivo con il suo personaggio che con un ruolo del genere è stato una vera impresa. Le sue ferite vivono sullo schermo.

3.Scicchitano

Filippo Scicchitano finalmente sboccia con un ruolo che lo consacrerà (si spera) a stella del panorama italiano. Umano è l’aggettivo perfetto per descrivere il suo personaggio. Nelle scene in cui c’è lui, gli altri protagonisti della vicenda è come se venissero inondati dalla sua verità pura e semplice. Dettaglio da non trascurare visto un ruolo che poteva facilmente scadere nello già stravisto. Gli si vuole bene.

4.Emozioni

La commedia quando è ben fatta ha il grande pregio di poter attingere a un enorme campionario di emozioni e questo film ci riesce alla grande. Seguire le vicende di queste due famiglie così diverse e così imperfette ognuna a modo suo, tira lo spettatore dentro la loro realtà. Sfido chiunque a non riconoscersi in almeno uno dei caratteri descritti da questa pellicola, o che non conosca qualcuno vicino a sé simile ai personaggi descritti. Quella messa in scena è la realtà di questi personaggi, ma inevitabilmente è anche la nostra, delle nostre piccole e grandi imperfette famiglie. Ma soprattutto è l’imperfezione dell’essere umano che ne viene fuori. Commovente, divertentissimo, intelligente e mai rozzo.

5.L’italia

Che si possano fare film così nel mio paese è un grande vanto. Finalmente sembriamo avvicinarci a quell’idea di cinema industriale che non guarda né al volgare cinepanettone, né tantomeno alla tanto agognata “autorialità” (impossibile da forzare). Croce e delizia è una commedia intelligente, senza mai dimenticare le risate. È uno spasso continuo, che ti fa riflettere su te stesso, sulla tua famiglia, sull’amore e perché no anche sulla situazione del paese. Insomma, un film necessario.

Viva la sincerità!

Viva la sincerità!

Recensione - Benvenuti a Marwen di Robert Zemeckis

Benvenuti a Marwen è la nuova fatica dell’eclettico e geniale Robert Zemeckis. Un gigante del cinema che vanta, tra i suoi 20 film in carriera, il premio Oscar del grande classico Forrest Gump, la trilogia di Ritorno al Futuro e il rivoluzionario Chi ha incastrato Roger Rabit?.

Il film racconta la storia vera di Mark Hogancamp, un fotografo e artista vittima di un vile pestaggio che, dopo averlo ridotto in coma, gli fece perdere la memoria e diverse capacità motorie. A causa del terribile trauma Mark si rifugia nella creazione della città immaginaria di Marwen, abitata da donne toste e bellissime che aiutano il capitano Hogie a combattere i nazisti. Ah, sono tutti delle bambole.

80117_ppl.jpg

Ecco 5 motivi per non perdere questo meraviglioso film:

1.

Zemeckis

Robert Zemeckis è uno dei più grandi narratori della nostra epoca. Ha raccontato l’America come pochi e ogni suo film ha qualcosa da dire (dato quanto mai rilevante oggigiorno). La sua voglia di innovare e rinnovarsi è coinvolgente come sempre e la sua è una regia divertente e divertita.

2.

Cinema nel cinema

Pensare che questa sia una storia vera è toccante e devastante per certi versi. La capacità di raccontare un piccolo mondo (quello di Mark) riferito a un mondo ancora più piccolo (quello di Marwen) è quanto di più meta-cinematografico abbia incontrato negli ultimi anni. Che tutto ciò sia poi terapeutico per il nostro protagonista è molto commovente e tenero. E poi chi non ha mai raccontato storie con i propri pupazzi?

3.

L’immaginazione unisce

Che il potere dell’immaginazione sia al centro di questa pellicola è evidente, ma la bellezza dell’immaginazione e i sogni è che non hanno età. Racconta un mondo di adulti questo film, eppure è il gioco e la storia raccontata da Mark a unire tutti i personaggi di questa storia, sia nella realtà che nella finzione. Persino i suoi assalitori vengono inseriti all’interno del racconto, dichiarando un messaggio forte e deciso: siamo tutti parte dello stesso sogno (o incubo).

Le agguerrite (e deliziose) abitanti di Marwen.

Le agguerrite (e deliziose) abitanti di Marwen.

4.

Il post moderno

Questo film come molti di Zemeckis ha quel fascino dei grandi classici fin dalla prima visione. La capacità di raccontare una storia ben collocata temporalmente eppure di poter risultare attuale attraversando i decenni. Benvenuti a Marwen è ambientato nei giorni nostri (o giù di lì) con sprazzi di seconda guerra mondiale (immaginaria) con un look e un gusto che però sa di altri tempi. La formula perfetta per creare un classico.

5.

Diverso e orgoglioso

L’ultima pellicola di Robert Zemeckis non è un film come tanti, ma non si sforza nemmeno di essere originale, lo è e basta. In quest’epoca in cui tutto deve amalgamarsi e appiattirsi al contesto, questo film ha il coraggio di essere diverso, di raccontare la storia di un diverso e di farlo in una maniera unica, personale e coinvolgente. È per piccoli capolavori come questo che dovremmo batterci, prima di diventare anche noi pupazzi in una storia molto meno interessante.

Mi sembra ridondante sottolineare quanto bravo sia   Steve Carell  , ma tant’è…

Mi sembra ridondante sottolineare quanto bravo sia Steve Carell, ma tant’è…