oscar 2019

Green book di Peter Farrelly

La corsa alla tanto ambita statuetta di miglior film si arricchisce di un nuovo contendente. Ecco i 5 motivi per non lasciarsi scappare il delizioso Green Book, di Peter Farrelly.

1. Un Classico moderno

Questo film ha il tipico spirito delle pellicole classiche. La storia si basa sul rapporto tra i due protagonisti che fanno da specchio per la società in cui vivono (e non solo). Ambientato negli anni Sessanta ha già in questo la sua dimensione di pellicola post-moderna, trattando temi di grandissima attualità. E lo fa con estremo garbo e stile.

2. La commedia che parla chiaro

È interessante notare come grandi autori della commedia demenziale americana (Adam McKay, e qui Peter Farrelly da solo senza il fratello Bobby) siano adesso i grandi protagonisti e autori di pellicole così impegnate. Nel caso di Green Book, si ride tanto, ma mai sguaiatamente e il messaggio di fondo del film arriva forte e chiaro. Racconta una storia di forti contrasti interiori, mar riesce a non risultare mai pesante. È un classico caso di commedia dell’incontro di due nature diverse, che impareranno molto l’una dall’altra.

Una coppia di interpreti che è già storia del cinema.

Una coppia di interpreti che è già storia del cinema.

3. Il sociale, quello bello

In tal senso il film riesce a far passare un messaggio fortemente (come si sol dire) “a sfondo sociale”, ma senza mai diventare didascalico o retorico. Quello della segregazione raziale è un tema quanto mai attuale e presente in America come nel resto del mondo, e la chiave di lettura di questa pellicole riesce ad affrontarlo con la giusta leggerezza. Così facendo il film risulta godibile narrativamente, stimolante a livello di contenuti e riuscitissimo soprattutto nelle interpretazioni dei due protagonisti.

4. Mahershala, una conferma

L’attore premio Oscar per Moonlight (un film che a mio avviso rappresenta l’esatto opposto di quanto detto sopra) offre una prova attoriale di enorme spessore. Il personaggio non era dei più facili, in quanto incarna diverse sfumature che facilmente potevano cadere nel già visto o retorico. Ali riesce con disinvoltura a restituirci un uomo pacato e sofisticato, donandoci un’interpretazione che oserei definire pianistica. È infatti in grado di dosare sia le parti in cui devo contenersi (il piano) e gli sfoghi di un uomo la cui natura viene messa in dubbio da un incontro e da un viaggio. Il tutto sfocia in una breve, ma intensissima scena madre in cui ci racconta il suo vero Io (il forte).

5. Viggo, patrimonio mondiale

Viggo, caro Viggo. Per quelli come me ha segnato un’epoca. Il mio Aragorn è infatti un attore enorme, di un’intensità unica. In questo film non ha semplicemente interpretato Tony Lip, lo è diventato! La credibilità è la vera forza di un’interpretazione e Mortensen è un maestro in tal senso. Fa parte di quella categoria di interpreti che riescono abilmente a scivolare all’interno di un ruolo. Mai come in questo caso è riuscito a raccontarci un uomo, un personaggio, in tutte le sue sfumature. Sono ormai rari gli attori come lui che comprendono la stratificazione dell’animo umano e che riescono a restituirla sullo schermo.

Non ci resta che sperare per il giusto riconoscimento a entrambi per questo meraviglioso film.

Ve l’ho detto che si ride.

Ve l’ho detto che si ride.

La Favorita di Yorgos Lanthimos

È uno dei film con maggiori nomination della prossima edizione degli Oscar e a ragion veduta. Oggi a tra il bianco e il nero vi svelerò le 5 ragioni che rendono La Favorita un film imperdibile.

1.

È stato uno dei film osannati all’ultima mostra del cinema di Venezia, vincendo sia il Leone d’argento che la Colpa Volpi per l’interpretazione di Olivia Colman (more on that later). Ha ricevuto ben 10 nomination agli Oscar di quest’anno, coprendo tutte le categorie principali, ma ai Golden Globe ha portato a casa solo il premio sempre alla Colman per la sua regina Anna. Che sia un’indicazione su chi vincerà il premio alla miglior attrice protagonista? Negli ultimi 20 anni è successo solo 20 volte…

TheFavouriteMovie.png

2.

Il cast di questo film è spettacolare. Le due contendenti al cuore della regina Anna (o per meglio dire al ruolo di favorita, consigliera e amante) mettono in scena una lotta serrata e spietata. Rachel Weisz interpreta con durezza e fascino impenetrabile Sarah Churcill, LA preferita della regina, della quale cura la salute, gli affari e…altro. La determinazione con cui tiene in scacco la regina e lo sprezzo con cui tratta politici e membri della corte, ne fanno un personaggio tremendamente affascinante. Emma Stone, nei panni di sua cugina Abigail, proverà a insidiare questa sua posizione. La Stone è ormai un’attrice a tutto tondo, capace di passare attraverso ruoli dalle mille sfaccettature e muoversi agilmente tra pellicole commerciali e d’autore. La sua Abigail è una giovane nobile decaduta pronta a tutto pur di riconquistare un posto al sole. Manipolatrice, doppiogiochista e abile seduttrice. Ogni singolo aspetto del suo personaggio viene rappresentato con cura. Sorprendente anche Nicholas Hoult nei panni del leader dell’opposizione Robert Harley, piacevolmente a suo agio in costume d’epoca.

thefavouriterachelweiszoliviacolman.jpg

3.

L’ambientazione di questo film è curata con così tanto amore per i dettagli da sembrare un documentario. Il palazzo reale restituisce un’atmosfera vera e viva, per cui dietro ogni muro sembra avvenire qualcosa, e la vita dell’epoca è ricreata in maniera assolutamente convincente. C’è l’opulenza della corte, con i suoi camini ricoperti di oggetti preziosi, gli arazzi e i tappeti pregiati nelle stanze, i letti a baldacchino, i costumi d’epoca impeccabili e allo stesso tempo ci sono il fango, lo sporco, candele e un bordello poco raccomandabile. Sacro e profano. Anche se il sacro della corte è tutt’altro che immacolato…

NpibBu6-740x350.png.jpeg

4.

Lanthimos cura una regia ricercata e a tratti spiazzante. L’ambientazione ha un ruolo così cruciale per questo genere di film e il regista lo sottolinea sfoggiando continui grandangoli, fino anche all’estremo uso del fish eye (prospettiva completamente distorta). I movimenti di macchina sono poi precisi e arditi, senza mai risultare eccessivi o manieristici, basandosi su tecniche per assurdo molto basilari. Le protagoniste sono sempre inquadrate in composizioni intriganti in cui dominano la scenografia pur essendo parte integrante della stessa. Ci sono per lo meno 3 o 4 scene memorabili.

5.

Olivia Colman firma il ruolo della vita. La sua regina Anna è un personaggio ferito, ma mai vinto, folle, ma mai fesso, risentito, ma mai completamente schiavo dell’ira. Un ritratto di un’umanità sconvolgente, di una donna schiacciata dal potere, ma soprattutto da tutto quello che il potere nega. Una donna che ama ingenuamente come una bambina e che rivendica tutto l’amore che l’è stato negato. Una solitudine che riecheggia nelle stanze vuote della corte, pur essendo a volte piene di gente. Un personaggio che non ha filtri. Una donna che è al contempo bellissima e bruttissima nell’arco di una frase o di un’espressione. Un’interpretazione impreziosita dal confronto con le sue magnifiche co-protagoniste, costrette infine a capitolare davanti a tanto spessore.

the-favourite-olivia-coleman.jpg

Recensione - A Star is born di e con Bradley Cooper

Remake di un leggendario remake che rese celebre Barbra Streinsand, questo film ha tutte le caratteristiche del classico moderno.

Si tratta di un genere di pellicola come non se ne vedono da tempo. È a tutti gli effetti un dramma romantico declinato in musica, ma ha quel potere che solo i grandi film hanno ovvero di poter trascendere la propria natura. In tal senso l’operazione di casting dice già tutto. Come facilmente intuibile ci troviamo davanti a un film costruito per esaltare la figura della sua protagonista.

Lady Gaga, al secolo Stefani Germanotta, non è nuova a ruoli d’attrice. Il più noto sicuramente è quello in American Horror Story: Hotel, per il quale si è aggiudicata addirittura un Golden Globe. E di premi e riconoscimenti la cantante ne è già piena, ma questa volta l’intera operazione sembra puntare dritto verso una sua candidatura agli Oscar. La domanda di tutti, cinefili o meno, è: se lo merita davvero?

La sua è un’interpretazione sicuramente maiuscola, impreziosita da ciò che le viene meglio, ovvero le varie performance musicali e in più va detto che la trama la porta quasi a rivivere la sua stessa carriera, quindi a vestire abiti comodi. Purtroppo nel nostro italico caso la sua interpretazione è stata martoriata da un doppiaggio scialbo. In sintesi una sì grande interpretazione, ma che più che interessare discorsi in termini di premi mi fa pensare al titolo e quindi ci auguriamo di aver scoperto in Lady Gaga una nuova stella del cinema. Ma potremmo dire che le stelle ad essere nate in questo caso sono due.

La prima regia di Bradley Cooper ci ha fatto scoprire un cineasta attento, delicato, viscerale e molto fisico, in grado di muovere la macchina da presa con estrema dimestichezza e capace di gestire i toni di una vicenda così piena e densa. A volte forse esagera nella ricerca di una composizione simmetrica, ma possiamo perdonarlo. Va anche sottolineato come tutto questo venga accompagnato dalla sua più grande interpretazione da attore. Un doppio ruolo, doppia responsabilità, doppia difficoltà e quindi una vittoria che vale doppio.

Il film è una storia calda e fredda allo stesso tempo e Cooper da bravo medico segue con sagacia la temperatura dell’intreccio restituendoci una storia tutto sommato lineare, senza colpi di scena, ma con una grande attenzione al come viene raccontata.

Poi che dire, abbiamo scoperto anche un rocker niente male! Un chitarrista dannato, ma dallo sguardo e dall’animo dolcissimo.

Due talenti quelli Jackson e Ally che si riconoscono e si rincorrono per tutta la storia, ma senza troppi intoppi o per lo meno non esterni. Che la nascita di una stella costringa un’altra ad eclissarsi? Come al solito il cinema e il mondo dell’entertainment americano riflettono su loro stessi e lo fanno alla grande grazie alla loro formula segreta sperimentata in un secolo di grandissima narrazione a suon di metafora. Riflette Lady Gaga sul suo percorso artistico in parallelo a quello di Ally, riflette Cooper sul passaggio alla regia in funzione di un’altra star. Riflettiamo soprattuto noi su cosa ci sia dietro alla fama e il talento e sul loro significato, in un mondo di talent buttati a caso e di celebrità usa e getta.

Un film molto retrò per i contenuti eppure così attuale. Bravi loro a capire il momento e a riproporci questa storia senza tempo. Emozionarsi in una sala gremita di domenica pomeriggio. Godersi il racconto senza farsi troppe domande, ma lasciandosi trasportare da questo inedito Bradley Cooper febrile e rockeggiante. Infine capitolare davanti a quel primo piano di Gaga e capire che abbiamo assistito a un film, una storia, un’opera come non se ne vedevano da tempo. E se sarà un classico, solo il tempo potrà dircelo.


Brandley cooper febbrile e rockeggiante. A Star is Born un classico moderno. Lady Gaga punta all'Oscar: ma se lo merita davvero? Ecco la videorecensione.