recensione film

Captain Marvel di Anna Boden & Ryan Fleck

Qui è evidente la continuità stilistica settata da  Guardiani della Galassia.

Qui è evidente la continuità stilistica settata da Guardiani della Galassia.

Ci siamo quasi! Captain Marvel è il ventunesimo film del Marvel Cinematic Universe, ma è soprattutto l’antipasto (o per meglio dire il sorbetto tra un pasto e l’altro) della portata principale che arriverà a fine Aprile (se questa devo spiegarvela, non siete di questo pianeta).

Per raccontare le origini del nuovo eroe Marvel, veniamo scaraventati negli anni Novanta, nel primo film con una protagonista unica al femminile per i Marvel Studios (almeno in questo la Dc è arrivata prima).

Ecco 5 buoni motivi per andare a vedere questo film:

1. Dei buoni colpi di scena e non solo

Questa pellicola è di quelle che si definiscono (qualcuno dirà ovviamente) plot driven, ovvero quasi completamente a servizio della sola trama. I colpi di scena ci sono e sono ben imbastiti (sebbene alcuni prevedibili), ma essendo un film sulle origini ha un percorso quasi forzato. La cosa interessante è che hanno provato a mischiare le carte da questo punto di vista, con una struttura meno classica e basata molto sul montaggio e alcuni stratagemmi. Ha poi il merito di ampliare l’universo marvel o quantomeno di colmare alcune “lacune” o curiosità, facendo da collante con la trama generale del MCU. Si rivede anche qualche vecchia conoscenza!

È definitivamente esplosa una stella di bellezza e talento, però a Brie, me preoccupi. Te sei sciupata!

È definitivamente esplosa una stella di bellezza e talento, però a Brie, me preoccupi. Te sei sciupata!

2. Donna moderna

La nostra Carol (ben interpretata da Brie Larson, ma ne parleremo dopo) è un personaggio assolutamente moderno. Una donna moderna, appunto, che non ricorda niente del suo passato, ma che ha un’idea precisa del suo futuro. Le strizzate d’occhio qui sono notevoli (movimento #metoo e affini), ma mai fastidiose. Cap Marvel è un’eroina che riesce a emanciparsi e a prendere possesso di sé stessa e dei propri poteri, ma fa tutto senza l’aiuto di nessuno (o quasi). Non a caso la scelta di non affiancargli alcun interesse amoroso è lodevole, e rientra in quel tentativo di rimescolare le carte di questo tipo di narrazione.

3. Fury, solo Fury

È innegabile che Samuel L. Jackson sia uno degli attori più iconici del nostro tempo. Nel ruolo di Nick Fury sembra però aver trovato la quadratura del cerchio, uno zenit interpretativo. Qui finalmente ha un ruolo da co-protagonista molto presente, sebbene il suo ringiovanimento (per fortuna meno digitale di quanto pensassi) gli toglie quell’aura di figaggine che da sempre lo contraddistingue. Questo nuovo/vecchio look, coadiuvato dalla Los Angeles degli anni Novanta,  ci fa piombare in atmosfere e frame che prendono palesemente a piene mani da Pulp Fiction. Comunque sia non vedevamo l’ora di avere più Fury (solo Fury, mi raccomando).

<<Does he look like a Skrull???>> cit. rivisitata

<<Does he look like a Skrull???>> cit. rivisitata

4. Beware the cat

Vabbè, qui avrò poco da dirvi, se non che il gatto Goose è il vero protagonista del film. Se prima vi inquietavano i gatti, aspettate di vedere questo film… #gattovince

5. Un po’ di Brie

Posso dirlo? Sono proprio felice per Brie Larson. L’attrice americanissima, già premio Oscar nel 2016 per Room, aveva a mio avviso bisogno di un ruolo del genere. Avendo già dimostrato la sua caratura attoriale, le mancava la consacrazione presso il grande pubblico e la scelta è stata molto azzeccata. La Larson costruisce un personaggio simpatico, ma mai seccante, vulnerabile, ma molto forte e umano. Sono sicuro che sarà una perfetta aggiunta al cast degli Avengers e non vedo l’ora di scoprirlo in Endgame.

Oh, no! Ho dimenticato di parlare di  Jude Law… di proposito.

Oh, no! Ho dimenticato di parlare di Jude Law…di proposito.

La Favorita di Yorgos Lanthimos

È uno dei film con maggiori nomination della prossima edizione degli Oscar e a ragion veduta. Oggi a tra il bianco e il nero vi svelerò le 5 ragioni che rendono La Favorita un film imperdibile.

1.

È stato uno dei film osannati all’ultima mostra del cinema di Venezia, vincendo sia il Leone d’argento che la Colpa Volpi per l’interpretazione di Olivia Colman (more on that later). Ha ricevuto ben 10 nomination agli Oscar di quest’anno, coprendo tutte le categorie principali, ma ai Golden Globe ha portato a casa solo il premio sempre alla Colman per la sua regina Anna. Che sia un’indicazione su chi vincerà il premio alla miglior attrice protagonista? Negli ultimi 20 anni è successo solo 20 volte…

TheFavouriteMovie.png

2.

Il cast di questo film è spettacolare. Le due contendenti al cuore della regina Anna (o per meglio dire al ruolo di favorita, consigliera e amante) mettono in scena una lotta serrata e spietata. Rachel Weisz interpreta con durezza e fascino impenetrabile Sarah Churcill, LA preferita della regina, della quale cura la salute, gli affari e…altro. La determinazione con cui tiene in scacco la regina e lo sprezzo con cui tratta politici e membri della corte, ne fanno un personaggio tremendamente affascinante. Emma Stone, nei panni di sua cugina Abigail, proverà a insidiare questa sua posizione. La Stone è ormai un’attrice a tutto tondo, capace di passare attraverso ruoli dalle mille sfaccettature e muoversi agilmente tra pellicole commerciali e d’autore. La sua Abigail è una giovane nobile decaduta pronta a tutto pur di riconquistare un posto al sole. Manipolatrice, doppiogiochista e abile seduttrice. Ogni singolo aspetto del suo personaggio viene rappresentato con cura. Sorprendente anche Nicholas Hoult nei panni del leader dell’opposizione Robert Harley, piacevolmente a suo agio in costume d’epoca.

thefavouriterachelweiszoliviacolman.jpg

3.

L’ambientazione di questo film è curata con così tanto amore per i dettagli da sembrare un documentario. Il palazzo reale restituisce un’atmosfera vera e viva, per cui dietro ogni muro sembra avvenire qualcosa, e la vita dell’epoca è ricreata in maniera assolutamente convincente. C’è l’opulenza della corte, con i suoi camini ricoperti di oggetti preziosi, gli arazzi e i tappeti pregiati nelle stanze, i letti a baldacchino, i costumi d’epoca impeccabili e allo stesso tempo ci sono il fango, lo sporco, candele e un bordello poco raccomandabile. Sacro e profano. Anche se il sacro della corte è tutt’altro che immacolato…

NpibBu6-740x350.png.jpeg

4.

Lanthimos cura una regia ricercata e a tratti spiazzante. L’ambientazione ha un ruolo così cruciale per questo genere di film e il regista lo sottolinea sfoggiando continui grandangoli, fino anche all’estremo uso del fish eye (prospettiva completamente distorta). I movimenti di macchina sono poi precisi e arditi, senza mai risultare eccessivi o manieristici, basandosi su tecniche per assurdo molto basilari. Le protagoniste sono sempre inquadrate in composizioni intriganti in cui dominano la scenografia pur essendo parte integrante della stessa. Ci sono per lo meno 3 o 4 scene memorabili.

5.

Olivia Colman firma il ruolo della vita. La sua regina Anna è un personaggio ferito, ma mai vinto, folle, ma mai fesso, risentito, ma mai completamente schiavo dell’ira. Un ritratto di un’umanità sconvolgente, di una donna schiacciata dal potere, ma soprattutto da tutto quello che il potere nega. Una donna che ama ingenuamente come una bambina e che rivendica tutto l’amore che l’è stato negato. Una solitudine che riecheggia nelle stanze vuote della corte, pur essendo a volte piene di gente. Un personaggio che non ha filtri. Una donna che è al contempo bellissima e bruttissima nell’arco di una frase o di un’espressione. Un’interpretazione impreziosita dal confronto con le sue magnifiche co-protagoniste, costrette infine a capitolare davanti a tanto spessore.

the-favourite-olivia-coleman.jpg

Recensione - Benvenuti a Marwen di Robert Zemeckis

Benvenuti a Marwen è la nuova fatica dell’eclettico e geniale Robert Zemeckis. Un gigante del cinema che vanta, tra i suoi 20 film in carriera, il premio Oscar del grande classico Forrest Gump, la trilogia di Ritorno al Futuro e il rivoluzionario Chi ha incastrato Roger Rabit?.

Il film racconta la storia vera di Mark Hogancamp, un fotografo e artista vittima di un vile pestaggio che, dopo averlo ridotto in coma, gli fece perdere la memoria e diverse capacità motorie. A causa del terribile trauma Mark si rifugia nella creazione della città immaginaria di Marwen, abitata da donne toste e bellissime che aiutano il capitano Hogie a combattere i nazisti. Ah, sono tutti delle bambole.

80117_ppl.jpg

Ecco 5 motivi per non perdere questo meraviglioso film:

1.

Zemeckis

Robert Zemeckis è uno dei più grandi narratori della nostra epoca. Ha raccontato l’America come pochi e ogni suo film ha qualcosa da dire (dato quanto mai rilevante oggigiorno). La sua voglia di innovare e rinnovarsi è coinvolgente come sempre e la sua è una regia divertente e divertita.

2.

Cinema nel cinema

Pensare che questa sia una storia vera è toccante e devastante per certi versi. La capacità di raccontare un piccolo mondo (quello di Mark) riferito a un mondo ancora più piccolo (quello di Marwen) è quanto di più meta-cinematografico abbia incontrato negli ultimi anni. Che tutto ciò sia poi terapeutico per il nostro protagonista è molto commovente e tenero. E poi chi non ha mai raccontato storie con i propri pupazzi?

3.

L’immaginazione unisce

Che il potere dell’immaginazione sia al centro di questa pellicola è evidente, ma la bellezza dell’immaginazione e i sogni è che non hanno età. Racconta un mondo di adulti questo film, eppure è il gioco e la storia raccontata da Mark a unire tutti i personaggi di questa storia, sia nella realtà che nella finzione. Persino i suoi assalitori vengono inseriti all’interno del racconto, dichiarando un messaggio forte e deciso: siamo tutti parte dello stesso sogno (o incubo).

Le agguerrite (e deliziose) abitanti di Marwen.

Le agguerrite (e deliziose) abitanti di Marwen.

4.

Il post moderno

Questo film come molti di Zemeckis ha quel fascino dei grandi classici fin dalla prima visione. La capacità di raccontare una storia ben collocata temporalmente eppure di poter risultare attuale attraversando i decenni. Benvenuti a Marwen è ambientato nei giorni nostri (o giù di lì) con sprazzi di seconda guerra mondiale (immaginaria) con un look e un gusto che però sa di altri tempi. La formula perfetta per creare un classico.

5.

Diverso e orgoglioso

L’ultima pellicola di Robert Zemeckis non è un film come tanti, ma non si sforza nemmeno di essere originale, lo è e basta. In quest’epoca in cui tutto deve amalgamarsi e appiattirsi al contesto, questo film ha il coraggio di essere diverso, di raccontare la storia di un diverso e di farlo in una maniera unica, personale e coinvolgente. È per piccoli capolavori come questo che dovremmo batterci, prima di diventare anche noi pupazzi in una storia molto meno interessante.

Mi sembra ridondante sottolineare quanto bravo sia   Steve Carell  , ma tant’è…

Mi sembra ridondante sottolineare quanto bravo sia Steve Carell, ma tant’è…